In questo mondo di eroi, nessuno vuole essere Robin (C. Cremonini)

fallback-image

L’Associazione

L’associazione “I Ragazzi di Robin APS” si è costituita il 18 luglio 2018 a Segrate (MI) con lo scopo di formare un gruppo di ragazzi maggiorenni che per mezzo di opera di volontariato, potessero realizzare un progetto di inclusione sociale.
L’idea sorge dalla necessità di riempire in modo soddisfacente e formativo la parte della giornata in cui non sono presenti attività istituzionalizzate (CSE, scuola, etc …), tempo libero in cui vengono normalmente offerte proposte meramente ludico/sportive, non sempre interessanti per persone ormai adulte
 In queste persone si manifesta infatti una vera e propria aspirazione a svolgere attività lavorative concrete, spontaneamente chiedono di poter partecipare ad attività gratificanti in linea con le loro abilità anche manuali.

Le iniziative intraprese sono al momento:

  • pulizia volontaria di giardini e parchi pubblici,
  • rimozione scritte e tag da pensiline dei bus;
  • sostegno durante gare podistiche e maratone, attraverso la distribuzione di acqua agli atleti;
  • pulizia e sgombero tavoli durante feste paesane;
  • servizio minimo ai tavoli durante cene organizzate;
  • piantumazione piccole piante in aiuole pubbliche.
Scopo dell’associazione è quello di preparare i ragazzi,  ad una vera inclusione attraverso  varie attività a diventare protagonisti attivi della società in cui vivono, creando laddove possibile sollievo e sostegno ai cittadini, alle amministrazioni, ad altre associazioni o ai singoli individui.
Gli 8 ragazzi che fanno parte attualmente di questa associazione, pur essendo affetti da patologie invalidanti come autismo, sindrome di down, ecc.., svolgono un ruolo di volontari attivi assieme ai soci fondatori, risiedono a Segrate e comuni limitrofi.

Il lavoro finora svolto, ha già portato risultati positivi e benefici sui ragazzi stessi che, gratificati dai successi ottenuti, sono riconosciuti ed apprezzati dalla cittadinanza e dalle istituzioni per l’impegno profuso, sono sempre disponibili e desiderosi di iniziare nuove attività, sono molto legati e solidali tra loro.
Tutto ciò aumenta la loro autostima, l’auto- inclusione e la convinzione di essere parte attiva nella società e sul territorio.
foto Panda

L’Associazione si è classificata al 1°posto del Concorso Let’s Green promosso da Gruppo CAP nel 2020 e ha ricevuto in premio una Fiat Panda.